Serie A TIM

BUCCHI: "EREDITÀ PESANTE MA HO GRANDI STIMOLI"

Questa mattina, presso il Modena Golf & Country Club di Colombaro (MO), si è svolta la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore del Sassuolo, Cristian Bucchi.

"Era la nostra prima scelta - ha spiegato introducendolo l'a.d. Giovanni Carnevali - un tecnico giovane, ideale per proseguire il nostro progetto. Dico grazie a Di Francesco per questi anni vincenti e al presidente del Perugia Santopadre che ha liberato Bucchi".

"Prima di tutto - spiega mister Bucchi - devo ringraziare il Perugia che ha mantenuto la parola data. So che arrivo in una società importante e ho tanto entusiasmo. Quella di Di Francesco è un'eredità pesante, ma questo mi dà grandi stimoli. Non voglio paragoni, ma continuare il percorso di crescita intrapreso dal Sassuolo, puntando su giocatori italiani giovani da valorizzare".

Sul mercato e sulle possibili tante partenze, Bucchi è chiaro: "Chi resta a Sassuolo penso che lo debba fare motivato, faremo le nostre valutazioni con la proprietà. Chi andrà via sarà sostituto nel migliore dei modi. Cercheremo di arrivare ai risultati sportivi con il gioco, cercherò di mettere qualcosa di mio. Inesperienza? Un po' la potremmo pagare, è vero. Anche io sono giovane, ma ho già cinque anni in panchina alle spalle ed ho già vissuto diverse situazioni che fanno crescere".

Si riparte da capitan Magnanelli: "Sarà un punto di riferimento. Una delle caratteristiche di questa squadra è il senso di appartenenza e lui è il capitano da tanti anni. La cosa che mi ha colpito è stata aver percepito di essere arrivato al momento giusto in una grande società. Ho avvertito subito un senso famigliare. Di Francesco? Siamo molto amici, nell'ultimo periodo non ci siamo sentiti, credo che anche lui fosse molto impegnato. Berardi? Spero di poterlo avere, lui è un giocatore importantissimo, speriamo possa rimanere".

(Foto LaPresse)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: