Coppa Italia

D'AVERSA: "CI TENEVAMO A PASSARE IL TURNO"

Al termine del match valido per il IV turno di Coppa Italia tra Parma e Frosinone 2-1, il tecnico crociato Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Tardini.

Abbiamo fatto bene nel primo tempo, nel secondo abbiamo rischiato di subire anche il secondo gol quando avevamo avuto diverse occasioni per chiudere la partita e questo non ce lo possiamo permettere, abbiamo messo in dubbio una partita nella quale secondo me, fino a quando avevamo in mano al pallino del gioco, dubbi non ce n’erano. Il gol nel finale? Io credo che quando questo accade, non sia dovuto al fato, alla fortuna o alla sfortuna ma alla voglia e alla determinazione di portare a casa un risultato. Nelle due partite casalinghe contro il Sassuolo e il Torino dove abbiamo trovato la vittoria nei minuti finali, tutti abbiamo voluto quella vittoria, mentre nelle altre due gare contro Bologna e Milan si poteva fare meglio, cercando di gestire meglio le situazioni per portare a casa dei punti. Questa sera sotto l’aspetto della determinazione, anche si è commesso degli errori e si è concesso qualcosina, la volontà di portare a casa il risultato fino alla fine c’è stata”.

Ci tenevamo a passare il turno, probabilmente dalle scelte iniziali qualcuno poteva pensare che si stesse sottovalutando l’impegno, ma assolutamente no: sono state fatte delle scelte logiche per cercare di passare il turno, ragionando sul fatto che domenica abbiamo una gara importante di campionato, quindi sotto quel punto di vista non c’era nessun dubbio su come avremmo affrontato la partita: non era semplice ma ci tenevamo a passare il turno nonostante le difficoltà numeriche augurandoci che magari quando si giocherà contro la Roma si sia recuperato un numero di giocatori in modo tale da far fronte a due competizioni. In questo momento si sta facendo fatica a completare gli allenamenti e non le partite, però devo dire che questi ragazzi mi stanno meravigliando perchè nelle difficoltà tirano fuori il meglio“.

(Foto Getty Images)

www.parmacalcio1913.com



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: