Serie A TIM

DE ZERBI: "RISPETTO PER L'HELLAS VERONA"

Vigilia di campionato per il Sassuolo di Roberto De Zerbi che domani sera, nell’anticipo della 9ª Giornata di Andata della Serie A TIM, affronterà l'Hellas Verona. Il tecnico neroverde è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara contro la formazione veneta.

Non mi aspettavo questa classifica, l’importanza della gara contro l'Hellas Verona non sposta la mia visione. Per l’allenatore sono importanti tutte le gare, dalla prima in Coppa Italia con lo Spezia, a quella con l’Inter che è stata fatta. La classifica dà fastidio a tutti”.

Sulla squadra: “Come invertire questo trend negativo anche di gol subiti? Io e il mio staff lavoriamo sulle cose su cui si può migliorare. La fase difensiva è subordinata alla scelta dell’avversario, quando la palla ce l’hanno gli altri sono loro a decidere. Tu devi partire dal sacrificio e dalla voglia di non prendere gol. Poi puoi prenderlo in contropiede, a difesa schierata ma la volontà e la voglia di non prenderlo fanno parte delle basi”.

Tutto passa dall’aspetto mentale. L’aspetto mentale deve essere al primo posto, sempre. Qualcuno in squadra è giovane, poi vieni da qualche vittoria netta e ti sembra tutto facile, ma nel calcio non c’è nulla di facile. La classifica non mi interessa particolarmente, ma dobbiamo avere costanza di prestazione, di essere la squadra degli ultimi 20-25 minuti con l’Inter. Poi se siamo quelli, i risultati arrivano”.

Su Domenico Berardi, che ieri ha rinnovato fino al 2024: “Con me è stato sempre uno dei più positivi, dentro e fuori dal campo. Domenico è cresciuto tanto. Dalla partita col Napoli dell’andata dello scorso anno a oggi. E’ cresciuto tanto, come spessore di calciatore all’interno di un gruppo e di una partita”.

Sulla formazione di Juric: “Sassuolo e HellasVerona opposti? Hanno 9 punti non a caso e li rispettiamo. Ognuno sceglie come interpretare questo gioco. La squadra, nei momenti di difficoltà, ha sempre risposto presente e ci ha sempre messo la faccia. Non ho dubbi sulle persone. Questo momento non è tragico ma dà fastidio prendere gol stupidi e iniziare le partite sotto".

(Foto Getty Images)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: