Serie A TIM

FLORENZI: "QUESTA E' LA ROMA PIU' FORTE IN CUI HO GIOCATO"

Alessandro Florenzi, a pochi giorni dalle sfide contro il Bologna e il Barcellona, parla delle ambizioni della Roma in campionato e delle possibilità in Champions League di passare il turno: "A livello di singoli forse è la Roma più forte in cui ho giocato” ha esordito Florenzi nell’intervista rilasciata al Corriere dello Sport. “Siamo un’ottima squadra, stiamo migliorando giorno dopo giorno e vogliamo ottenere grandi risultati”.

Cosa ha la Roma attuale in più rispetto al passato?
“A livello di gruppo siamo molto cresciuti e abbiamo un obiettivo comune: portare più trofei possibili in città. I risultati altalenanti che abbiamo avuto ad agosto e settembre non erano veritieri perché avevamo giocato un buon calcio e non avevamo sfruttato le occasioni create. Adesso siamo sulla strada giusta e dobbiamo continuare così”.

Il migliore attacco in Serie A TIM è un biglietto da visita sufficiente per considerarvi favoriti per lo Scudetto?
“Quest’anno ci sono tante squadre che si giocheranno il titolo e una cosa del genere in campionato non accadeva da tanto tempo. Per vincere l’attacco è fondamentale ma bisogna anche prendere meno gol possibili”.

Quale è l’anti-Roma?
“Il Napoli, Ha un ottimo allenatore e grandi individualità”.

Cosa pensi del Bologna avversario di sabato?
“Donadoni ha cambiato poco, ma ha saputo toccare i tasti giusti visto che con lui sono arrivati 6 punti in 2 incontri. Troveremo un Bologna galvanizzato e sarà dura, ma noi dobbiamo vincere a tutti i costi”.

Che partita ti aspetti invece al Camp Nou la prossima settimana in Champions League?
“Sarà sicuramente difficile. Loro sono la squadra più forte del mondo, ma contro il Barcellona all’Olimpico abbiamo fatto un grande exploit. In Spagna andremo senza paura, decisi a sfruttare le occasioni che avremo”.

Quante possibilità ha la Roma di passare il turno in Champions?
“Dipende dalle prossime due partite, dal nostro atteggiamento. Servono punti contro Barcellona e Bate Borisov”.

(Foto LaPresse)

www.asroma.it



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: