Serie A TIM

LE PAROLE DI MISTER TUDOR

Igor Tudor ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Udinese. Il match dell'Olimpico sarà diretto da Marco Di Bello di Brindisi.

"Ciò che conterà domani sarà l’atteggiamento con il quale scenderemo in campo, l’approccio alla gara e le qualità che i nostri giocatori saranno in grado di esprimere. Sono convinto che questi tre elementi decideranno cosa accadrà domani".

Da quando è arrivato Tudor, l'Udinese ha conquistato sette punti in tre partite. Però adesso sarà sempre più difficile ripetersi a causa dei continui infortuni: "Allo stato attuale abbiamo Opoku out, poi come sappiamo c’è Behrami e un paio di altri che hanno qualche acciacco. Non fa mai piacere avere degli infortunati, soprattuto adesso che abbiamo di nuovo tre partite in una settimana, ma accettiamo questa situazione perchè fa parte del gioco. Su chi scenderà in campo vedremo di partita in partita".

Sulla Roma e sul tecnico giallorosso: "Se c’è un allenatore che ha fatto qualcosa di storico in Inghilterra, un vero e proprio Signore del calcio, quello è proprio Ranieri. Loro hanno grandi campioni, lottano per la Champions League, noi andiamo all’Olimpico consapevoli dei nostri mezzi, dopodiché vedremo cosa succederà sul campo".

Subito dopo la Roma il recupero di mercoledì con la Lazio, ecupero della 25ª Giornata di Serie A TIM (mercoledì 17 aprile, alle ore 19): "Noi andiamo a Roma con i migliori che avremo a disposizione e in base a questi programmeremo le nostre formazioni di domani e poi di mercoledì. Avremo la possibilità di fare punti mentre le altre staranno ferme, perciò dovremo essere bravi a sfruttare questa possibilità che il calendario ci offre".

Sulla quota salvezza: "Non ho mai fatto tabelline perché non mi piace. Io guardo solo la mia squadra anche perché se mi metto a osservare le partire delle avversarie finisce che mi innervosisco pertanto preferisco non farlo".

(Foto Getty Images)

www.udinese.it



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: