Serie A TIM

LIVERANI: "I NUOVI ARRIVI HANNO AGGIUNTO QUALCOSA IN PIÙ"

Dopo la vittoria esterna con il Napoli per 2-3, il tecnico del Lecce, Fabio Liverani, ha parlato in conferenza stampa per analizzare il match.

"Abbiamo subito i primi 20-25 minuti la pressione del Napoli, con qualità tecnica, palleggio, aggressività. Noi non riuscivamo a giocare il nostro calcio e siamo rimasti schiacciati. Poi ci siamo fatti coraggio e da lì abbiamo provato a mettere in difficoltà una squadra forte. Dopo il gol del pareggio del Napoli ci siamo riusciti paradossalmente ancora di più. Grande partita di Deiola e Saponara? Non solo loro, anche Barak che oggi è arrivato vicino al gol, negato da una parata eccezionale di Ospina. Questi sono calciatori che hanno aggiunto qualcosa a un gruppo che già c'era. Tra fine novembre e inizio dicembre eravamo praticamente in 11-12 giocatori, invece ora la squadra di allena con competitività, con intensità".

Su Saponara: "Riccardo, da quando l'abbiamo contattato, non ha avuto dubbi. Ha scelto Lecce con serietà. Avevo ricevuto da addetti ai lavori circa 25 telefonate che mi sconsigliavano di prenderlo perché è un calciatore un po' lunatico. Invece l'abbiamo preso lo stesso". Sull'utilizzo del 4-4-2: "Io credo che poi sono i giocatori che determinano i famosi numeri. Avendo qualità con Falco e Saponara era un 4-3-2-1, con loro due provavamo a togliergli qualche corsa esterna. E loro sulla ripartenza cercavano di trovarli nelle mezze posizioni, tra centrale e terzino, per poi arrivare con le mezzale e giocare in profondità con Lapadula". Infine proprio sul numero 9 giallorosso, autore di due gol: "Si esalta nelle battaglie, oggi aveva due ossi duri da fronteggiare. Delle volte cerco di fargli capire che deve sprecare meno energie, deve imparare a correre meglio. E' generoso, ha fame. In una squadra come la nostra è fondamentale".

(Foto Getty Images)

www.uslecce.it



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: