Serie A TIM

PIOLI: "È UN ESAME DIFFICILE MA SIAMO PRONTI"

Archiviata la pausa di due settimane il campionato è pronto a rimettersi in marcia e, per il Milan, l'ostacolo è subito probante: a San Siro, sabato alle 18.00, si gioca il Derby di Milano con l'Inter. Mister Pioli, nella consueta conferenza stampa della vigilia, ha presentato questa delicata e affascinante sfida. Ecco le sue parole.

UNA VERIFICA IMPORTANTE PER IL MILAN
"Il Milan ha la propria identità, il suo modo di stare in campo e di giocare. Nel nostro lavoro gli esami non finiscono mai: sappiamo che questo è un esame importante e difficile, ma ci siamo preparati bene con poco tempo a disposizione. Ci sentiamo pronti". 

L'ANIMA DEL DERBY
"Purtroppo i tifosi saranno assenti ma noi che scenderemo in campo siamo consapevoli di quanto sia importante e sentita questa partita. Dobbiamo prepararci a giocare bene e meglio dei nostri avversari".

IL PERCORSO DI CRESCITA
"Ringrazio Carlo Ancelotti per le belle parole spese nei nostri confronti. Il nostro percorso è iniziato un anno fa ma mi sento di dire che è ancora in una fase iniziale, abbiamo ancora ampi margini di miglioramento. Affrontiamo la squadra che da tutti è data come probabile vincente del campionato ma noi scenderemo in campo con l'obiettivo di fare meglio di loro". 

LE CONDIZIONI DI IBRA
"Zlatan l'ho ritrovato sorridente, positivo, e determinato. Ha trascorso una sola settimana di allenamenti con noi ma sta bene, ma è pronto per giocare pur dovendo ancora valutare quanto minutaggio potrà darci".

COME ARRIVA IL MILAN ALLA PARTITA
"Ci arriviamo bene così come ci arrivano bene anche loro. Battere un avversario così forte ci darebbe entusiasmo e ancor più fiducia nelle nostre qualità, però dobbiamo pensare una partita alla volta. Credo che per noi sia stata molto importante la sconfitta dello scorso anno, abbiamo tratto tanto insegnamento, abbiamo dimostrato qualità e capacità di giocarsela alla pari. E allo stesso tempo abbiamo imparato che basta distrarsi un attimo per prendere degli schiaffi importanti. Da quel Derby siamo cresciuti tanto, per conoscenza reciproca e risultati ottenuti, da lì è iniziato il nostro percorso". 

L'INTER E IL COPIONE DEL MATCH
"Affrontiamo un sistema di gioco con delle posizioni ben precise, che in fase difensiva che ci costringeranno a fare delle uscite. L'Inter è forte, fortissima, ma come tutte le squadre può avere dei punti deboli. A noi il campito di essere lucidi, di capire quando andare in pressione e quando temporeggiare. Il nostro modo di affrontare la partita sarà il solito, intenso e non di attesa. La stessa cosa che faranno loro. Mi aspetto perciò una partita molto spettacolare". 

HAUGE, REBIĆ E KJÆR
"Jens è un ragazzo sveglio, sta imparando in fretta. È veloce e tecnico, può essere importante per il nostro modo di giocare. Credo che Ante non sarà disponibile per domani, farà un altro controllo settimana prossima e lì sapremo meglio quando potrà rientrare. Simon è un ragazzo intelligente e un professionista ineccepibile, l'apporto che sta dando è di alto livello. Pur essendo ancora in difficoltà numerica in difesa, il ritorno di Romagnoli ci permetterà di ritrovare i meccanismi difensivi sui quali abbiamo lavorato". 

L'INIZIO DI CAMPIONATO
"Il nostro cammino di inizio stagione è stato importante nella preparazione di questa partita. Qualcuno ha giudicato facili le tre partite che abbiamo vinto, ma sappiamo che vincere non è mai facile, e sappiamo anche che è stato molto importante superare i preliminari di Europa League. Il rientro di Zlatan è uno stimolo in più verso il Derby".

(Foto Getty Images)

www.acmilan.com



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: