Serie A TIM

VINCONO LE PRIME SEI DELLA CLASSIFICA

Distanze immutate al vertice della Serie A TIM, con le prime sei della graduatoria che raccolgono i tre punti in questo turno infrasettimanale. Dopo il successo esterno di ieri della Roma, oggi vincono fuori casa anche la capolista Napoli (a Roma contro la Lazio), e il Milan al Barbera, mentre Juventus, Fiorentina e Inter ottengono la vittoria in casa. Con la sconfitta del Sassuolo e il pareggio dell'Empoli si apre una spaccatura in classifica tra le prime sei e il resto delle formazioni, e pare difficile immaginare che qualcuna delle altre squadre possa inserirsi nella lotta ai posti che garantiscono l'accesso alle prossime coppe europee. Curiosamente le tre vittorie esterne arrivano tutte con lo stesso risultato, 0-2. Dopo la Roma ieri, anche Napoli e Milan si impongono con due gol fuori casa, chiudendo entrambe la pratica nel primo tempo. La squadra di Sarri va in vantaggio al 24' col solito Higuain, 23 centri in altrettante partite, in gol grazie ad un fortunoso rimpallo dopo respinta di Marchetti. Dopo solo 3' arriva il raddoppio di Callejon con un pallonetto sul portiere in uscita dopo splendido assist di Insigne. Al Barbera il Milan passa con i suoi due attaccanti, sempre più decisivi. Sblocca Bacca al 19' con una pronta deviazione sotto porta su cross rasoterra di Abate, poco dopo la mezz'ora arriva il rigore della tranquillità realizzato da Niang.
Passando alle vittorie casalinghe la Juventus arriva allo straordinario record di 13 successi consecutivi. I bianconeri superano il Genoa con un tiro-cross di Cuadrado deviato da De Maio, poi gestiscono la gara senza soffrire, ma anche senza rendersi pericolosi dalle parti di Perin. Stesso risultato per l'Inter che passa col ChievoVerona grazie a un guizzo di Icardi dentro l'area piccola. Lo stesso centravanti nerazzurro colpisce di testa la traversa, poi l'Inter crea tante occasioni, ma Seculin si guadagna il titolo di migliore in campo. Soffre invece fino alla fine la squadra di Paulo Sousa, che strappa la vittoria al fotofinish contro il Carpi, alla prima sconfitta del 2016. Apre subito Borja Valero finalizzando uno splendido taglio di Barnardeschi, nella ripresa arriva il pareggio di Lasagna al 73' che complica la vita alla Fiorentina, ma allo scadere (93') la magia di Zarate, che fa tutto da solo e dal limite disegna un imprendibile tiro a giro sul secondo palo, riporta il sorriso ai sostenitori viola. Il campionato entra nella fase decisiva, e le big rispondono presente.

(Foto LaPresse)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: