UEFA Europa League

CONTE: "VOLEVAMO ESSERE PROTAGONISTI, I TIFOSI POSSONO ESSERE ORGOGLIOSI DI QUESTI RAGAZZI"

Un'Inter straordinaria travolge lo Shakhtar Donetsk alla Düsseldorf Arena e grazie alle doppiette di Lautaro e Lukaku e al gol di D'Ambrosio conquista l'accesso alla finalissima di UEFA Europa League. 

"Devo fare i complimenti ai miei ragazzi, perché abbiamo raggiunto la finale mettendo in difficoltà una squadra forte come lo Shakhtar Donetsk, che ha giocatori di livello - ha commentato Antonio Conte al termine del match -. Li abbiamo pressati a tutto campo, siamo stati bravi a farli correre e a costringerli a difendere. Sono molto soddisfatto perché il piano era giusto e i ragazzi hanno fatto tutto nella giusta maniera. Il merito va tutto a loro"

Cosa rappresenta questa finale? 

"È una soddisfazione per tutti. La cosa più importante è che tanti ragazzi stanno giocando per la prima volta questo tipo di partite e stanno facendo esperienza. Adesso affrontiamo il Siviglia che ha grande tradizione in questa coppa, ma abbiamo voglia di stupire. Temevo tanto questa partita perché lo Shakhtar è una squadra forte, ma l'abbiamo fatta sembrare normale. Adesso dobbiamo recuperare energie dopo questa super prestazione e dobbiamo prepararci per dare una gioia al popolo interista che ci sta seguendo con tanto entusiasmo. Penso che i tifosi possano essere orgogliosi di questi ragazzi. La cosa importante sarà sempre uscire dal campo senza recriminazioni".

8 vittorie e 2 pareggi nelle ultime 10 partite con solo 4 gol subiti. Da dove è ripartita l'Inter?

"Siamo ripartiti dal lavoro che abbiamo sempre fatto, durante tutto l'anno. Io credevo veramente potessimo fare un finale da protagonisti. In Coppa Italia siamo stati sfortunati, avremmo meritato molto di più, in campionato abbiamo avuto due scivoloni contro Bologna e Sassuolo ma i ragazzi sanno che si impara soprattutto dalle cose negative. Bisogna capire e migliorarsi, l'abbiamo fatto. Ho trovato un gruppo di ragazzi disponibili ed encomiabili e solo così abbiamo potuto chiudere il campionato a un punto dalla Juventus, con statistiche anche migliori dei nostri avversari. Volevamo essere protagonisti in Europa League e adesso siamo in finale. Per stasera godiamoci il risultato poi da domani penseremo al Siviglia".

Chiedi tanto ai giocatori, ma quello che restituisci è ancora di più. E l'Inter, oltre a ottenere risultati importanti, sta anche giocando bene...

"È inevitabile quando si propone un lavoro di un certo tipo, intenso, sia dal punto di vista tattico che dal punto di vista fisico, correre dei rischi. Ma se si trovano giocatori intelligenti, che capiscono e sfruttano il momento, si cresce insieme. Io ho un rapporto leale con i miei calciatori, sanno che tutto quello che faccio è per il bene del gruppo e del Club".

(Foto Getty Images)

www.inter.it



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: