Serie A TIM

CONTRASTO AL MATCH-FIXING, CORSO DI FORMAZIONE PER LA JUVENTUS

4 maggio 2016

Il progetto “Per l’integrità del gioco: formazione in campo contro le frodi sportive”, realizzato dalla Lega Serie A con Sportradar AG, in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo, ha fatto tappa allo Juventus Training Center di Vinovo per una giornata di formazione a 360 gradi sul match-fixing con la Juventus FC.

La prima squadra del club ha partecipato, insieme allo staff tecnico, allo staff medico e ai dirigenti, al workshop di formazione condotto dall'avvocato Marcello Presilla, responsabile per l'Italia di Sportradar AG – società, partner UEFA, specializzata nell’analisi e monitoraggio dei flussi di scommesse e nella lotta alle frodi sportive – che ha spiegato agli atleti il fenomeno del match-fixing in tutte le sue forme, illustrandone rischi e conseguenze.  Durante l’incontro sono stati tracciati gli identikit dei cosiddetti fixers, i criminali che agganciano i giocatori intrappolandoli nelle truffe, attraverso tecniche di adescamento che sfociano anche in ricatti e minacce pregiudicando il futuro e la credibilità degli atleti e del calcio.

L’obiettivo è quello di far crescere sempre più il grado di consapevolezza di atleti, tecnici e dirigenti attorno al fenomeno delle combine e delle scommesse clandestine, offrendo strumenti di difesa validi contro chi infanga l’immagine dello sport.

Un tema delicato, anche per l’enorme movimento di denaro che genera. Secondo i dati rilevati da Sportradar, su ogni match della Serie A TIM si puntano in media, a livello mondiale, circa 53 milioni di euro, per un giro d’affari complessivo pari a oltre 20 miliardi a stagione.

Sportradar monitora 65.000 eventi ogni anno, in 11 diversi sport. Oltre 250 competizioni - incluse nelle prime due divisioni in ciascuna delle 54 Associazioni aderenti al UEFA - passano sotto la lente del “Fraud Detection System”, il sistema di monitoraggio dei flussi di betting e di rilevazione di eventuali anomalie utilizzato dagli analisti.

Partner di questo progetto insieme alla Lega Serie A, il Credito Sportivo, unica banca pubblica italiana, che dedica ogni sforzo possibile alla difesa e allo sviluppo dello sport onesto.
Questa banca, che si occupa di finanziare chi vuole investire nello sport, sa bene quanto sia importante la credibilità del calcio italiano anche in termini economici e ha deciso di investire sull’informazione come elemento chiave della prevenzione.

"Da sempre la Juventus, nell’attività quotidiana della Prima Squadra e del Settore Giovanile, si fa promotrice dei valori portanti dell’etica sportiva – ha dichiarato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale della Juventus, Giuseppe Marotta -. L’incontro di oggi, organizzato allo Juventus Training Center di Vinovo, rappresenta un importante momento di analisi e di sensibilizzazione dei calciatori su aspetti rilevanti per la tutela dell’integrità del gioco del calcio. Le tematiche trattate nel workshop ribadiscono l’importanza dei valori di lealtà e correttezza, punti cardine dell’importante percorso di formazione in cui sono periodicamente coinvolti gli atleti".



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: