Serie A TIM

FONSECA: "LA SQUADRA HA DIMOSTRATO PERSONALITÀ"

Dopo il passo falso di Torino, la Roma torna a muovere la classifica. I giallorossi pareggiano in casa con l’Atalanta grazie a un grandissimo gol da fuori area di Cristante.

Ecco come Paulo Fonseca ha commentato la prestazione dei suoi uomini, a fine partita.

Questa squadra ha dei limiti?

“È difficile da spiegare. Giocare contro questo tipo di squadre è sempre dura. La verità è che abbiamo sbagliato nei momenti decisivi. Oggi abbiamo fatto una buona partita, ma non abbiamo vinto. Abbiamo affrontato una grandissima squadra”.

È più contento della reazione o più preoccupato per i primi 45 minuti?

“Non possiamo dimenticare che l’Atalanta ha vinto nove degli ultimi dieci incontri. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, ma abbiamo deciso di rischiare. Abbiamo pressato alto e non abbiamo lasciato costruire l’Atalanta. Dopo, abbiamo rischiato di più e loro hanno avuto delle occasioni in contropiede per fare gol. Penso che abbiamo sbagliato soprattutto quando perdevamo la palla, e anche nelle marcature preventive. Non è facile giocare contro l’Atalanta e noi abbiamo fatto meglio nel secondo tempo. Ma la squadra ha dimostrato personalità”.

Mettere Cristante su Malinovskyi ha avuto gli effetti che sperava?

“Sì. La verità è che le occasioni dell’Atalanta sono arrivate su contropiede: abbiamo sbagliato quando perdevamo palla avanti. Ma Cristante ha fatto una buonissima partita. La marcatura preventiva non deve essere fatta solo da lui, ma da tutti”.

Non si possono dare più possibilità alla coppia Dzeko-Mayoral?

“Abbiamo già provato, ma non ha funzionato. La squadra non è preparata per giocare con due punte. Onestamente, non mi è piaciuta”.

Si riferisce a una questione tattica?

“No. Deve cambiare anche l’intenzione della squadra. È importante non solo giocare con due attaccanti, ma anche con i calciatori che abbiamo dietro. E questo cambia l’identità della squadra. In più, devo dire che abbiamo quasi sempre un solo giorno per preparare la partita, quindi è difficile fare dei cambiamenti in questo momento”.

All’inizio avevate trovato la chiave giusta, attaccando la profondità. Poi cosa è successo? Demerito vostro o merito dell’Atalanta?

“Merito dell’Atalanta. Non ho visto nessuna squadra giocare contro l’Atalanta e avere la palla. Loro marcano bene, uomo a uomo, è difficile uscire bene dalla loro pressione individuale. Ma penso che oggi la squadra abbia tentato di farlo. È vero che nel primo tempo non abbiamo avuto tante occasioni, ma è stato merito dell’Atalanta”.

Lei una volta ha detto di sentirsi a disagio quando la palla ce l’hanno gli altri. A che punto siete? C’è stato qualche miglioramento?

“Sì. È una nostra preoccupazione. Con l’Ajax - una squadra fortissima - e con il Torino non abbiamo avuto la palla e in settimana abbiamo lavorato su questo. Anche nel primo tempo abbiamo avuto più la palla dell’Atalanta e non era facile. Per me, controllare la partita con il pallone è molto importante”.

(Foto Getty Images)

www.asroma.com



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: