Serie A TIM

LA SAMPDORIA HA PRESENTATO MISTER GIAMPAOLO

"Prima di decidere dove vogliamo arrivare, è necessario creare i presupposti per arrivarci. Il resto è propaganda". Parla così Marco Giampaolo nella sua prima conferenza come tecnico della Sampdoria.

"Sono molto felice, ho sfiorato più volte questa panchina e quest’anno è finalmente arrivata la chiamata dal direttore Carlo Osti, a cui hanno fatto seguito i miei positivi incontri con il presidente Massimo Ferrero".

La scorsa stagione la squadra ha chiuso con 40 punti, il necessario per salvarsi: "Quella formazione aveva una cifra tecnica per cui avrebbe meritato di più, ma evidentemente sono stati commessi degli errori. Ci dovremo migliorare. Attualmente la rosa è disomogenea: vedremo di metterla a posto il prima possibile. Per fare un calcio collettivo come il mio il ritiro è un momento di grande importanza".

"Negli anni scorsi ho lavorato con Silvestre e Quagliarella, ma io credo che ogni calciatore cambi di momento in momento. Potremmo ritrovarci molto diversi da come ci eravamo lasciati. Quali sono i profili ideali per me? Quelli che hanno dedizione, senso di appartenza, cultura del lavoro e voglia di migliorarsi, che, nei giovani in particolare, è una benzina naturale".

"Ho imparato che nel calcio bisogna ogni volta guadagnare la stima e la fiducia del mio presidente, della mia società e dei miei giocatori e anche del pubblico".

(Foto UC Sampdoria)

www.sampdoria.it



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: